«E adesso chiudete la Corte dell’Aia»

Mosca. Con una risoluzione approvata all’unanimità i deputati russi hanno chiesto ieri l’apertura di una inchiesta internazionale «indipendente» sulla morte dell’ex presidente jugoslavo Slobodan Milosevic e hanno definito «inopportuna» l’ulteriore esistenza del Tribunale internazionale dell’Aia sull’ex Jugoslavia (Tpi). In aula al momento del voto della risoluzione erano presenti 432 deputati. A giudizio dei parlamentari russi il tribunale dell’Aia ha emesso sentenze «completamente politicizzate e di parte» e ha usato «il doppio standard come norma del suo lavoro». La risoluzione della Duma chiede che i casi sotto esame vengano chiusi «nel più breve tempo possibile» e che «l’ulteriore esistenza del tribunale sia dichiarata inopportuna».