E adesso il Comune corre «ai ripari»

Mentre i genovesi continuano a procurarsi storte e cadute sui percorsi a gruviera della città, prosegue l’opera a macchia di leopardo per il rifacimento delle strade cittadine. Il calendario dell’Aster, Azienda servizi territoriali, prevede una serie di interventi in città anche nel periodo estivo.
A Ponente, tra Prà e Pegli, sono state eseguite le opere di fresatura e asfaltatura di via Ungaretti e via Ratto. Sempre a Pegli, si procede alla rimozione degli alberi morti nelle zone percorse dall’incendio a Villa Pallavicini (il cantiere resterà aperto fino a settembre) e al ricupero dei giardini Peragallo, mentre a Villa Brignole Sale - Duchessa di Galliera di Voltri sono in corso interventi sulla vegetazione. In Valpolcevera dovrebbe finire entro giugno il rifacimento dei marciapiedi di via Vezzani a Rivarolo e di via Pastorino a Bolzaneto. In via Cantore dovrebbe concludersi entro giugno il ripristino di tratti del marciapiede e adeguamento di barriere architettoniche. Nella zona centro, i lavori di riasfaltatura sono concentrati prevalentemente in corso Firenze e nei giardini Pellizzari e proseguiranno fino alla prima settimana di luglio.
Gli interventi per il nuovo impianto di illuminazione pubblica in corso Magenta si concluderanno ad agosto, mentre gli adeguamenti degli impianti di illuminazione per le zone del centro e della Bassa Valbisagno impegneranno l’Aster fino a ottobre.
L’illuminazione riguardante le vie Torti, Barrili, Tripoli, Canale e Corridoni è sottoposta a manutenzione straordinaria. In Valbisagno si sta concludendo la riasfaltatura di via di Fontanegli e la costruzione di un nuovo tratto di caditoie (apertura nelle cunette delle strade per facilitare lo scolo delle acque) in via Berghini. E a fine giugno dovrebbe avviarsi la riasfaltatura completa di piazza Terralba.
A levante, infine, il rifacimento del marciapiede in piazza Sturla e nel tratto di via Giannelli tra via Ruzza e via Filzi, proseguirà fino a fine giugno - primi di luglio. La potatura degli alberi, che ha riguardato di recente anche piazza Paolo da Novi e varie zone della Foce, è proseguita anche a levante in via Giannelli, piazza de Simone e nei giardini di Quinto.
Per i restanti rattoppi delle infinite buche, i tempi sono scanditi dalla lunga lista d’attesa.