E adesso Il Secolo XIX faccia come il Corsera

Caro direttore, sono esterefatto per quanto riportato dal quotidiano genovese «Il Secolo XIX», in merito alla visita elettorale a Genova del presidente del consiglio Silvio Berlusconi.
Anziché mostrare ai lettori le immagini festanti di giovanissimi, meno giovani e... anziani, molti anziani! Che sono accorsi in migliaia per salutare il loro presidente, che pochi minuti prima aveva consegnato al sindaco Giuseppe Pericu e al presidente della regione Claudio Burlando oltre 220 miliardi di vecchie lire da investire, speriamo bene, per la nostra amata città. Ebbene, «Il Secolo XIX» ha pensato bene di mettere in prima pagina (a colori) la fotografia di un gruppetto di contestatori violenti e maleducati sovrastata dal titolone «Industriali, silenzio anti-Berlusconi» dando la sensazione di un presidente del consiglio preso a sassate e insulti, capovolgendo la realtà delle cose, migliaia di iscritti e simpatizzanti che ordinatamente hanno stipato il «Carlo Felice» senza creare alcun problema di ordine pubblico, tutta gente per bene!
Come il «Corriere della sera», anche «Il Secolo XIX» dovrebbe «costituirsi» davanti ai propri elettori, per dire se sta dalla parte della verità.
Cordiali saluti.
vicepresidente comitato elettorale collegio 7
Forza Italia