E ADESSO SI INDAGHI SUL COMUNE

Il Codacons chiede ai magistrati di accertare le eventuali responsabilità dei politici locali

Omicidio colposo plurimo. Mentre proseguono i rilievi della stradale sul luogo del maxi-incidente dove martedì mattina sono morte cinque persone, tre ragazzine e due donne, la Procura di Civitavecchia starebbe per emettere gli avvisi di garanzia nei confronti del guidatore della Fiat Stilo e del pick-up Mitsubishi. Non si escludono provvedimenti anche per il giovane che era alla guida della Volkswagen Golf, centrata dal fuoristrada dopo l’impatto frontale con la Stilo, e che ha investito in pieno il gruppo di mamme e bambine alla fermata dello scuolabus.
Intanto, sul luogo della strage ieri è stato il giorno delle lacrime e della memoria. Sul fossato maledetto la pietà della gente lascia in continuazione mazzi di fiori, biglietti, peluche di ogni forma e colore. L’orsetto Winnie the Pooh, il tigrotto Pimpi, un elefantino e un asinello celesti per la piccola Bianca, 7 anni, per Joana, 14 anni e per (...)