E Bassolino bocciò Rosetta

La Regione Campania ha soldi da investire nel... cassonetto. Cinquanta milioni per la raccolta differenziata e cento per favorire la costruzione di impianti per lo smaltimento dell’umido. Il criterio discriminante sarà legato ai piani presentati per risolvere questo problema che da mesi sta piegando la Campania. Ebbene la sorpresa viene dalle prime bocciature: Napoli e Caserta. Potremmo quasi parafrasare che Antonio Bassolino (capo della giunta regionale) non finanzierà il sindaco partenopeo Rosetta Russo Iervolino. Ma, con molta più amarezza, potremmo ammettere che Napoli non ha nel cassetto piani per risolvere l’emergenza rifiuti e si aggrappa al governo. Assistenzialismo sudista, insomma: déjà vu..