E per battere le zanzare arriva la Catambra

La pianta anti-zanzare esiste e funziona. Niente a che fare col geranio che, al confronto, ha un effetto blandissimo. Si chiama Catambra, dal nome della pianta Catalpa, della famiglia delle Bignogniacee e del suo scopritore, il vivaista Giovanni Ambrogio. Il quale dopo essersi accorto che la Catalpa tiene lontani gli insetti ha deciso di creare un innesto più potente, «ci ho lavorato per dieci anni» e nel 2006 ha ottenuto il brevetto europeo. La sostanza repellente contenuta nella specie originaria, il catalpolo, è quattro volte superiore nella pianta sorella creata da Ambrogio, «disturba perfino la zanzara tigre» va fiero il vivaista. Tanti anni fa, durante una gita sul Po, Ambrogio si accorse che tutta una zona a ridosso del fiume non era infestata dall'insetto. Cominciò a studiare la vegetazione e si accorse della Catalpa. Poi, dopo studi e tentativi, realizzò un albero da giardino e una versione da appartamento con le caratteristiche potenziate. Ha una chioma tondeggiante e il raggio d'azione è pari a un volume doppio rispetto a quello della chioma, non occorre potarla, non fiorisce e non ha odore. Si adatta bene al sole e all'ombra. L'estratto di Catambra è anche uno spray. Info www.catambra.it