E la Bbc sospende la fiction che mostra esplosioni nella City

da Londra

Dopo gli attacchi terroristici della scorsa settimana i dirigenti della Bbc sono intenzionanti a rimandare la messa in onda dei nuovi episodi di «Spooks», una serie televisiva di spionaggio. Due delle nuove puntate infatti, programmate per il prossimo autunno, mostrano una gigantesca esplosione a Londra. Nei due episodi della quarta serie, gli agenti dell’MI5, il servizio di sicurezza nazionale, hanno 48 ore di tempo per trovare gli attentatori e impedire il verificarsi di altre terrificanti esplosioni. La serie, che parla di spionaggio e di bombe, è una delle programmazioni più seguite dal pubblico britannico e viene solitamente trasmessa in prima serata dal canale Bbc One. Ma visti i tragici avvenimenti della scorsa settimana gli autori stanno consultandosi sul da farsi poiché la scelta appare di cattivo gusto. Uno dei personaggi è interpretato dall'attrice Martine McCutcheon, che recita il ruolo di una fiorista ferita dopo la prima esplosione.
Ieri una portavoce dello sceneggiato ha detto che gli autori stavano rivedendo i contenuti del film e che avrebbero deciso se mandarlo in onda o no. «Stiamo riguardando gli episodi - ha detto la portavoce - in quanto programmatori dobbiamo essere responsabili e dobbiamo assicurarci di non provocare ingiustamente lo scontento degli spettatori». La portavoce ha anche aggiunto che la sceneggiatura è stata scritta un anno fa. I dirigenti ora dovranno decidere se modificarla, tagliarla o se sostituire alcune scene.
Non è la prima volta che le emittenti dimostrano di proteggere la suscettibilità pubblica. Recentemente i dirigenti della Bbc hanno stabilito di evitare l'uso della parola «terroristi» sostituendola con quella di «attentatori» poichè la prima aveva una connotazione troppo di parte. Non si è trattato di un ordine scritto, piuttosto di un «consiglio autorevole» dato ai dipendenti ed effettivamente, in questi giorni, l'emittente preferisce il termine «bomber» (attentatore) a quello di «terrorista».