E Burlando prova a imbavagliare i prezzi

Stop ai prezzi, ma speriamo che i commercianti non facciano i furbi con aumenti in questi giorni o togliendo le offerte «3 per 2» Ieri il presidente della Regione Claudio Burlando con l'assessore al Commercio Renzo Guccinelli ha annunciato che dal 28 aprile al 31 agosto decine di prodotti della piccola, ma soprattutto della grande distribuzione avranno i prezzi bloccati. Si tratta di un accordo che la Regione ha raggiunto con Ekom, Coop, Conad, Basko e Confesercenti e che verrà firmato alla fine della prossima settimana. Dal latte ai biscotti, dalle merendine all'acqua minerale, allo scatolame, la grande distribuzione darà lo stop all’aumento di 75 prodotti alimentari, per la media distribuzione ne sono previsti 50, per la piccola soltanto 15. Allo stesso tempo l'assessore Guccinelli, su insistenti richieste di Burlando, sta trattando anche con i panificatori per bloccare il prezzo del pane. Il provvedimento dovrebbe attendere ancora alcuni giorni e riguarderebbe soltanto due o tre tipologie di panini ancora da individuare. Gli amministratori pensano comunque di copiare le iniziative che si sono realizzate alcune settimane fa a La Spezia e a Imperia e che hanno avuto un grande successo.
La Regione, insieme alla Confesercenti e ai supermercati che firmeranno l'accordo, varerà poi una campagna promozionale per invogliare i consumatori a fare la spesa in quei negozi che hanno accettato l'invito di Guccinelli. «Si tratta di provvedimenti di mediazione - spiega Burlando - per la tenuta del quadro sociale e salvaguardare il potere di acquisto delle famiglie. È un tentativo, che speriamo abbia successo. La Liguria, dopo le Marche, è la seconda regione che ha realizzato questo progetto in Italia». Ieri mattina la giunta ha approvato anche la procedura straordinaria per l'anticipazione dei finanziamenti per il Ghetto, nel centro storico.