E il candidato Sdi beffa i favoriti

Sorpresa a Carrara alle primarie dell'Unione per l'elezione del sindaco nella prossima primavera. Il candidato favorito sostenuto da Ds, Margherita e Rifondazione, il segretario provinciale diessino, Gianmaria Nardi, 37 anni, è stato superato da Angelo Zubbani, 53 anni, assessore comunale dello Sdi. Zubbani ha ottenuto il 48,29% (4.800 voti), mentre a Nardi sono andate 3976 preferenze, pari al 40%.
Tutto secondo copione invece a Lucca dove l'ex presidente della Provincia, Andrea Tagliasacchi, sostenuto da Ds e Margherita ha rispettato il pronostico: sarà lui il candidato sindaco del centrosinistra. Con 2803 voti, Tagliasacchi ha raccolto il 50,3%.
Ad Ancona l'assessore provinciale Patrizia Casagrande sarà il candidato presidente proposto dai Ds al tavolo dell'Unione in vista delle elezioni provinciali di Ancona. Casagrande ha ottenuto il 70% dei voti alle primarie «chiuse» della Quercia, che si sono svolte nelle sezioni della federazione diessina, affermandosi sull'altro candidato, l'ex deputato Luigi Giacco. Alla consultazione ha partecipato oltre il 50% degli iscritti.
Alle elezioni di primavera saranno poco meno di 12 milioni, quasi un quarto dell'intero corpo elettorale, i cittadini chiamati a votare per il rinnovo delle amministrazioni di oltre 900 Comuni e 8 province. Con il sistema del doppio turno si voterà nei Comuni sopra i 15 mila abitanti, sotto quella soglia c'è il turno unico (eletto il candidato sindaco che prende più voti). Si voterà nelle Province di Vercelli, Como, Varese, Vicenza, Genova, La Spezia, Ancona, Ragusa e in oltre 900 comuni, 163 dei quali con popolazione superiore a 15 mila abitanti; 27 sono i capoluoghi.