E capitan Totti azzoppa i suoi

Quella maledetta caviglia sinistra, insostituibile.
Nonostante la visita pastorale di Donadoni a Trigoria, la sicurezza di non venir disturbato fino all’anno prossimo, la richiesta di rientrare con Lituania e Far Oer, il pubblico che non smette mai di incitarlo e Spalletti che lo protegge come la più sacra delle reliquie, nonostante tutto questo Francesco Totti continua a far giocare la Roma in dieci. Il capitano serve alla Roma, al calcio mondiale, alla nazionale italiana, al fantastico pubblico romanista, a Spalletti e alla Borsa, ma continua a non dare segnali: calcia due punizioni con il destro naturalmente, e con la caviglia buona. La sinistra è un tormento, lui salta ogni volta che sta per arrivare un contatto, cerca sempre di girare al largo dalle mischie e tutto per colpa di una caviglia tremula e sempre convalescente. Purtroppo insostituibile.