E Cassano manda un bacio a Carolina: «Amore, non gioco»

La Sampdoria dei baby e delle riserve spedisce la Reggina verso l'inferno della serie B e Walter Mazzarri si gode l'ampio successo, aspettando la finale contro la Lazio: «I miei giocatori si sono espressi come mi aspettavo, soprattutto quelli che nelle ultime domeniche sono stati impiegati meno, o giocatori come Regini all'esordio in serie A». Mazzarri ha sconfitto la sua Reggina: «In Calabria ho dato il massimo per tre anni ma ora sono in un altro club e dovevo pensare alla Samp». E mercoledì la Lazio: «Dovremo stare attenti perché le partite secche sono soprattutto decise dagli episodi». Ma la vera rivelazione della partita è stato Daniele Dessena, spesso accantonato da Mazzarri e ieri protagonista con una doppietta. Il centrocampista è felice: «Sono contento per i due gol ma soprattutto per la vittoria della squadra, che ci voleva dopo la sconfitta nel derby. Lo dovevamo ai nostri tifosi, ma anche a noi stessi. La squadra c'è ed era importante rialzare subito la testa. Adesso speriamo di fare bene anche in Coppa Italia». Con la Lazio ci sarà spazio per Dessena, pezzo pregiato del mercato blucerchiato visto la metà del suo cartellino è stato acquistato in estate per 4,5 milioni di euro? «Decide Mazzarri, io ci sono, ma soprattutto dobbiamo alzare la Coppa». Altro baby vincitore è stato Guido Marilungo, al suo terzo gol in due gare dopo la doppietta contro il Cagliari: «Per me è un periodo decisamente fortunato, a volte i gol arrivano a volte no ma spero di continuare così». Davanti Marilungo ha giocato con Mustacchio: «Mi ha fatto una strana impressione, bellissima. Mi è sembrato di ritornare con la Primavera, poi dobbiamo ringraziare i compagni che ci mettono nelle condizioni di fare il massimo».