E Cavalli attacca Anna Wintour

«Perché prostituirsi alla stampa americana che vuol lanciare New York al posto di Milano? Togliamo la pubblicità a certe testate statunitensi e poi vediamo se non si fermano qui per 10 giorni. I loro stilisti sono dei gran copiatori, la moda italiana è la migliore del mondo e noi possiamo fare a meno della Wintour». Roberto Cavalli è un fiume in piena. La polemica nel fashion system internazionale è grossa: bisogna prendere posizione come hanno già fatto Domenico Dolce e Stefano Gabbana per tutelare la nostra immagine nel mondo. Più prudente Giorgio Armani che pure è infuriato ma si rifiuta di dire con chi. «Non sono gli stilisti italiani a essere seduti, ma tutto ciò che gli sta intorno: qualcosa non funziona in questo sistema». Soluzioni? «Non ho neanche mezza idea e non voglio entrare in polemica con nessuno. Certo sto tentando di lanciare un messaggio da Milano al mondo».