E il centrodestra blocca la «Giornata del riscatto»

Quella che si sta combattendo in Regione è una vera e propria battaglia delle date. La proposta di legge sottoscritta dai gruppi di centro-sinistra per istituire la «Giornata del Riscatto», il 9 settembre, è infatti stata bloccata dai capigruppo regionali Gianni Plinio (An) e Gino Morgillo (Fi). Per stoppare l’idea illustrata in sede di Commissione da Moreno Veschi è stato fatto presente che un analogo testo fu già respinto dal Consiglio Regionale nel ciclo legislativo precedente e Plinio e Morgillo sostengono che, se approvata, «la giornata del Riscatto costituirebbe l’assurdo doppione di una festività nazionale già esistente il 25 aprile». Non solo, Plinio vorrebbe abolire anche la festa della Liberazione: «A distanza di sessant’anni - spiega Plinio - trovo giusto che via siano iniziative che uniscano gli italiani. Sono addirittura favorevole all'abolizione del 25 aprile che continua a non poter dirsi una festa di tutti, sostituendola invece con una Giornata di Pacificazione Nazionale. Se, comunque c’è una data che non va celebrata è proprio quella del 9 settembre 1943 in cui fu affondata la corazzata «Roma». Sarebbe meglio che i colleghi del centrosinistra leggessero qualche libro di storia».