E Conte nega la passerella alla sua Juve

I giorni della moda sono come al solito occasione di gossip e polemiche. Ecco qualche pillola raccolta alle sfilate maschili.

Obama? È «out» Nel dietro le quinte di Vivienne Westwood, la stilista lancia un'invettiva contro Barack Obama: «Perché non ha mai parlato dei cambiamenti climatici? Abbiamo solo 10 anni per evitare la catastrofe...». Intanto alcuni modelli, che avevano appena sfilato (in bellissimi completi tartan e smoking sartoriali con le stringate in plastica colorate) con complicate extension su capelli e barbe per riprodurre neve e ghiaccioli, simbolo degli esploratori polari che affrontano i cambiamenti climatici, si lamentano della colla fra i capelli che non si stacca più. Mentre all'uscita di diverse sfilate, alcuni dei modelli più belli della fashion week lanciano una polemica sugli stipendi: «Meglio andare a Barcellona, là anche i marchi low cost pagano di più!».
Il bon ton delle nuove leve I gossip da parterre dicono che Suzy Menkes, autorevole penna dell'Herald Tribune International, stia pensando di lasciare e che a sostituirla sarà Jessica Michault, direttrice della testata online. Sarà vero? Intanto Jessica si fa notare nelle prime file, per il tablet e per il look classico, acqua e sapone: capelli raccolti (e niente banane), borsa Chanel, montgomery nero, l'opposto della Menkes.
Bon ton con tocchi glam, rigorosamente senza tacchi, anche per le nuove generazioni fashion. Margherita Missoni alla sfilata di famiglia è in pantofole di grisaglia grigia, short dorati, camicia e golfino grigio girocollo, da copiare. Da Cavalli, la top Eva Riccobono è in tenuta maschile: giacca e pantaloni neri e stringate basse. Stesso concetto per Stefania Rocca, molto rock minimal da Costume National. Tutte più chic delle «colleghe» che si arrampicano sui tacchi a spillo spesso pericolosamente (in questi giorni ci siamo pure ritrovate lo stiletto di una socialite dentro gli stivali, un mistero).
Che fatica essere celebrity Miracoli da sfilata. Nemmeno un anno fa, agli eventi le giornaliste lo scambiavano per il figlio di Sarkozy, oggi è il prezzemolino dei parterre. Alto e biondo, Alan Cappelli è diventato attore (è in Tutti pazzi per Amore) e imperversa nei backstage - da Ferragamo, a Missoni - alla ricerca di un flash. Flash ufficiali, quelli delle sfilate, mica rubati come quelli dei paparazzi. Così molte celeb che prima cercavano di nascondersi, ora escono allo scoperto.
Come Morgan, che da Richmond abbraccia e bacia la bella e brava Jessica Mazzoli di XFactor, confermando tutte le voci sulla loro love story. Da Philippe Plein, che invece sfila al William's (il club delle spogliarelliste), Melissa Satta mette a tacere i gossip sulla crisi con Kevin Prince Boateng presentandosi con lui. A proposito di calcio, dopo il pareggio di domenica, i giocatori della Juve sono rimasti in «punizione», dando forfait all'opening di Pignatelli, e l'allenatore Antonio Conte alla presentazione è arrivato da solo. L'immagine più bella della settimana, comunque, è quella della supertop Bianca Balti, che al party di Dolce&Gabbana è entrata mano nella mano con la sua bambina. Cuore di mamma.