E in via Dante gli antisosta diventano delfini

Dopo i panettoni a forma di pinguino, il creativo Pao si lancia in un’altra avventura

Sarà l’estate e la voglia di mare che attanaglia chi resta in città, sarà semplicemente un modo per dare sfogo alla creatività, oppure più seriamente - come spiega l’autore - l’impegno per ricordare una specie animale minacciata. Dopo i panettoni-pinguino, lo street-artist «Pao», vero nome Paolo Bordino, si è sbizzarrito stavolta con un’altra creazione. Sono i delfini antisosta, panettoni comparsi da qualche giorno nel centro di Milano, in via Dante, dove oltre che dissuadere dalla sosta gli automobilisti più testardi, l’artista ha pensato bene di aggiungere una nota di celeste, con un effetto stile mammifero che nuota in acqua e tanto di pinne in bella mostra. «Sono rimasto sempre in tema di creature acquatiche - ha spiegato Bordino - e comunque legate alla forma dell’arredo urbano».
E lo street-artist promette che l’opera non si fermerà solo a via Dante: «Per ora ho trovato lì la collocazione, ma ho già individuato un altro luogo della città, che naturalmente resta top secret». C’è da aspettare, insomma, ma prima o poi vedremo comparire i graziosi animali acquatici chissà dove.
A dare l'input alla nuova opera clandestina di Pao è stata l’iniziativa «Adotta un delfino», promossa dal Cts, Centro turistico studentesco, insieme con una ditta di acque minerali. Mi hanno proposto - aggiunge ancora il giovane creativo - di fare qualcosa, per le strade della città, per ricordare ai milanesi questa specie minacciata. E questo è stato lo stimolo a realizzare il progetto di una nuova opera stradale che già avevo in mente». Nel dettaglio, l'iniziativa riguarda l'adozione a distanza di esemplari di Tursiope, delfino costiero del Mediterraneo protetto nelle aree marine dei Centri Ricerca Delfini del Cts.