E «Dexter» è un ex serial killer che cattura gli assasssini

È per palati raffinati Dexter, la principale novità del palinsesto autunnale di Fox Crime. La serie ha debuttato in Usa nel 2006 ed è tratta da un racconto di Jeff Lindsay. La trama ricorda vagamente la storia del Dr. Jekyll e di Mr. Hyde. Il protagonista è il patologo forense Dexter Morgan, interpretato da Michael C. Hall, già visto in Six Feet Under. Dexter è specializzato nella caccia ai serial killer. Ma il motivo per cui è così bravo nella cattura dei criminali è che lui stesso è un assassino seriale. Orfano dall’età di tre anni, Dexter viene adottato da un ufficiale di polizia di Miami. L’uomo intuisce l’istinto omicida del bambino e decide di farne una specie di giustiziere, gli insegna cioè a uccidere solo delinquenti, dai molestatori di minorenni agli assassini. In pratica, durante il giorno Dexter indaga su delitti di ogni specie e la notte ne commette altrettanti. Le differenze con l’originale cartaceo sono numerose. Se nel suo racconto Lindsay narra le vicende dal punto di vista del protagonista, minimizzando il ruolo degli altri personaggi, sul piccolo schermo questi ultimi acquisiscono personalità e danno vita ad altrettanti filoni narrativi.