E in via Dogana scoppia la guerra tra i negozianti

In via Dogana, a due passi dal Duomo, sul lato dei numeri pari splendono le vetrine dei negozi. A sinistra, invece, locali abbandonati con affissi vecchi cartelli di affittasi. Una strada a due facce: da una parte i prezzi «scontati» che il Comune richiede per gran parte del suo patrimonio demaniale, dall’altra chi «paga un affitto normale». E cioè, come spiega un commerciante di abbigliamento, «data la zona, carissimo». «Questa è concorrenza sleale - denuncia - Noi paghiamo 75mila euro all’anno per poco più di 60 metri quadrati. I primi sei mesi dell’anno lavoriamo per coprire l’affitto». Bocche cucite, invece, tra chi ha paga l’affitto in saldo.