E per fiutare che aria tira arrivano i «nasi» elettronici

Fiutare l’aria della città per testarne la qualità e verificare l’efficacia del piano di fluidificazione del traffico. Sarà questo il compito dei 230 «nasi» elettronici che verranno installati in 180 punti sensibili della capitale all’interno del raccordo anulare. Di questi, 50 saranno posizionati lungo nelle strade interessate dal nuovo provvedimento di riduzione del traffico, in particolare sul lungotevere. «La campagna di monitoraggio durerà una settimana - spiega l’assessore all’Ambiente, Dario Esposito - successivamente i filtri cattura-smog saranno inviati a un laboratorio di Padova per essere analizzati. I valori di benzene rilevati dai “nasi” potranno così essere confrontati con quelli campionati dalle centraline di monitoraggio dell’Arpa». Solo allora si saprà se i «nasi» elettrici hanno buon fiuto.