«E già successo altre volte Qui c’è chi inneggia al Duce»

Una giornata di paura e tensione, quella di ieri, al Pigneto. Molti residenti sono scesi in strada e ognuno aveva qualcosa da raccontare. Il quartiere non è nuovo a episodi del genere. Non è la prima volta, infatti, che si registrano violenze contro gli extracomunitari.
«La scorsa estate - rivela un giovane - c’è stata un’altra aggressione sull’isola pedonale di una ventina di persone mascherate che, passando di corsa intorno alle 23.30, hanno preso a bottigliate gli immigrati che si trovavano ai lati della strada». Altri raccontano di aver visto due sere fa, nei pressi del cinema l’Aquila, appena riaperto, una ventina di persone «che inneggiava al Duce».
Non lontano dal Pigneto, a Casal Bertone, lo scorso anno un’aggressione simile è stata subita dal laboratorio teatrale autogestito «Caslab», in via di Portonaccio. Un fatto duramente contestato dai cittadini, oltre che dai frequentatori del laboratorio, che accusarono il Circolo Futurista, vicino a posizioni di destra, che ha sede nella stessa zona.
Al Pigneto, oltre ai ragazzi dei centri sociali che si sono radunati nei pressi dei negozi dove è avvenuta l’aggressione non appena si è diffusa la notizia, sono arrivati anche i rappresentanti del Dhuumcatu, l’associazione dei bengalesi, che ha annunciato per domani pomeriggio un corteo che partirà proprio dall’isola pedonale del quartiere.