E Gisella le «suona» agli avversari uomini

Dapueto, insegnante di pianoforte, è la prima donna candidata sindaco nella cittadina

A Bogliasco è sempre stata conosciuta come «la pianista». Ma nelle ultime settimane Gisella Dapueto è entrata nella storia locale per meriti che nulla hanno a che vedere con la musica o la didattica. Gisella Dapueto infatti insegna sì pianoforte al Conservatorio di musica Niccolò Paganini di Genova, ma è soprattutto la prima donna a candidarsi alla poltrona di sindaco della cittadina del Golfo Paradiso.
Con la lista civica «Noi con Gisella» Dapueto sfiderà il prossimo 28 maggio gli altri tre candidati (Adelio Peruzzi, Luca Pastorino e Serafino Fracas). E per dimostrare che lei può fare meglio degli avversari uomini ha lanciato l’idea di un confronto pubblico «in cui ogni aspirante sindaco illustri il proprio programma e le proprie soluzioni per le questioni che interessano i cittadini». Una sfida che però nessuno sembra per ora intenzionato ad accettare.
Appartenente a una delle famiglie più antiche di Bogliasco, Dapueto ha sempre seguito la vita politica e sociale del paese: «Non mi sono calata di colpo da Schubert alla politica» tiene a precisare. Fa parte del direttivo della Compagnia ’90 e organizza da anni eventi culturali, come la rassegna degli allievi dei conservatori di Genova e Alessandria. «Ma è solo dal 2001 che è iniziata la voglia di fare qualcosa di più - spiega -. Esattamente dal giorno in cui Pietro Canepa ha vinto le elezioni. Subito dopo che erano stati resi noti i risultati ho visto il neo sindaco e il sindaco uscente, Adelio Peruzzi, festeggiare la vittoria coi soliti volti. A quel punto ho pensato che a Bogliasco serviva qualcosa di nuovo. E la vera novità sarebbe proprio un sindaco donna».
Di qui la decisione di iscriversi alla sezione dei Ds. In realtà la militanza non è facile e si risolve non senza recriminazioni da entrambe le parti. Dapueto è tra l’altro fra i fondatori - all’inizio del 2005 - del comitato che si oppone alla costruzione dei box sotto la scuola, box che invece erano stati deliberati da tutto il consiglio comunale, Ds compresi. «Quelle 1.200 firme raccolte dal comitato rappresentano in fondo una voglia di partecipazione delle persone che la politica non aveva compreso e continua a non comprendere» spiega la candidata, oggi a capo di una lista civica di sedici persone, otto donne e otto uomini «che non si distinguono per avere un particolare colore politico, ma per essere cittadini e professionisti di Bogliasco».
Nomi ben conosciuti qui, come Sara Musselli che gestisce la palestra, i commercianti Cinzia Balleari, Monica Nespolo e Claudio Tabbò, oltre a Paola Civetta del consiglio di Circolo, Fiammetta Capitelli, Cristina Delbene, Stefania Trinchero, Elvina Menci, Michele Dapueto, Paolo Senarega, Giuseppe Pizzirani, Mattia Menta, Paolo Terzi Vincenzo Giunto e Gianfranco Frau. Tutti per una.