E i Ds si preparano a mollare Battaglia

Potrebbero essere ore decisive le prossime per il futuro dell’assessorato alla Sanità della Regione Lazio. È infatti in programma domani al Botteghino, sede nazionale dei Ds, un incontro tra le massime cariche regionali del partito per fare il punto della situazione in una settimana contraddistinta da scioperi e manifestazioni contro i tagli previsti dal Piano di rientro dal deficit.
Nelle ultime ore sembra indebolirsi la posizione dell’attuale assessore Augusto Battaglia. Da indiscrezioni pare che già oggi, al termine dell’incontro a cui prenderanno parte anche il segretario regionale dei Ds, Nicola Zingaretti e Lionello Cosentino, responsabile Sanità per il Lazio della Quercia, potrebbe venir fuori il nome del successore di Battaglia. In pole position c’è Claudio Mancini, di area dalemiana e attuale presidente della commissione bilancio alla Pisana. La sua candidatura è forte, ma non si escludono altre possibilità. In queste ore di consultazioni è stata sondata anche la disponibilità del senatore Ignazio Marino, presidente della commissione sanità a Palazzo Madama. Il successore di Battaglia, (per quest’ultimo è pronto un incarico all’Agenzia italiana del Farmaco), potrebbe avere anche una fisionomia meno politica con un tecnico di provenienza dal ministero della Salute.
Intanto il nuovo pacchetto di delibere sul Piano di rientro, che doveva essere discusso ieri in giunta, slitterà alla settimana prossima, a meno che il presidente Marrazzo non convochi una nuova seduta per la giornata di domani.