E i «Fidanza boys» inventano i comitati del popolo sovrano

Li hanno chiamati «Comitati in nome del popolo sovrano», affinché sia chiaro che stiamo parlando «del no a ribaltoni», spiega l’europarlamentare Pdl Carlo Fidanza. Avranno il compito di organizzare, nelle prossime settimane, manifestazioni nei luoghi-simbolo dell’azione del governo, da Acerra all’Aquila, e in quelli, come gli atenei, simbolo di ciò che «è importante portare a termine», come la riforma dell’università. I giovani Pdl, quelli che fanno riferimento a Gianni Alemanno, li hanno presentati ieri nel primo giorno del «Campo di Terracina», che fra workshop e aperitivi politici proseguirà fino a domenica nella splendida cornice del tempio di Giove. Fra gli ospiti big come Alemanno, Alfredo Mantovano e Giorgia Meloni, ma soprattutto, spiega la dirigente di Giovane Italia Carolina Varchi, «moltissimi giovani amministratori cresciuti nella ex An che oggi si candidano a futura classe dirigente del Pdl».