E i fondisti interrogati arrivano ultimi in gara

Appena sette anni fa, correva il 1999, ai mondiali di sci organizzati a Ramsau, cioè in casa, la staffetta austriaca ha vinto la medaglia d’oro. Forse una medaglia chiacchierata: ma non basta il doping a trasformare brocchi in campioni. Ieri, a Pragelato, la squadra austriaca si è classificata sedicesima e ultima (nella foto Juergen Pinter), dopo aver subìto l’onta del doppiaggio mentre era ancora in corsa la terza frazione: una controprestazione che in situazione normale meriterebbe il podio della vergogna, tanto che il quarto frazionista non è nemmeno partito. I quattro avevano passato la notte in bianco.