...e i ragazzi della 4ªA

«Giacomo, i metodi da voi usati durante l’intervallo sono da mafiosi» questo ha detto in tono scherzoso e colloquiale la prof di filosofia. Tutta la 4ªA ne è testimone. Come ha fatto questa frase a trasformarsi in «tu sei un mafioso berlusconiano»? Ci piacerebbe tanto saperlo. Come ci piacerebbe sapere in che modo il giornalista abbia potuto pubblicare l’intervista a Giacomo: infatti, quando si è presentato ha ricevuto una smentita e se ne è andato dicendo: «Mi dispiace essermi alzato presto per niente». Noi ingenuamente ci siamo fidati. Vogliamo precisare che tutto quello che è stato scritto non corrisponde a verità: al massimo ne è un’abile manipolazione. Chiediamo sia fatta chiarezza e ancora increduli per la grandezza dei giochi in cui ci siamo visti coinvolti, speriamo che tutto si risolva e che dei ragazzi di liceo non siano più al centro di discussioni e di dinamiche politiche più grandi di loro.
seguono firme