E i tedeschi ci prendono gusto: arriva la satira su Berlusconi

Berlino. Evidentemente in Germania è tempo di biografie sui più popolari premier europei. Come Silvio Berlusconi. Il film Bye Bye Berlusconi, che potrebbe partecipare al prossimo Festival di Berlino, è una satira sul presidente del Consiglio italiano, ambientata in un’immaginaria Topolonia e diretta dal regista tedesco Jan Henrik Stahlberg. Protagonista della pellicola, costata poco meno di novantamila dollari, è Maurizio Antonini, un autentico sosia di Berlusconi, che sarà affiancato da altri attori italiani. Nella finzione il protagonista si chiama Micky Laus, commercia in angurie, è proprietario della Melonen Tv nonché presidente della squadra calcistica, dilettantistica, AC Topolonia. Poi d’improvviso il film prende una piega drammatica con il rapimento di Berlusconi, con ovvia sorpresa finale sul filo dell’ironia.