E Johnny Halliday decide di tornare in Francia

da Parigi

Con Nicolas Sarkozy all’Eliseo, Johnny può tornare a casa. Il rocker francese Johnny Halliday sta facendo i bagagli ed è pronto a lasciare il suo chalet svizzero per far rientro in Francia dopo la vittoria alla presidenziali del suo fan Nicolas Sarkozy. Lo ha detto la moglie del musicista.
Halliday, 63 anni, uno dei più famosi artisti di Francia e sostenitore di alto profilo del neoeletto capo di Stato, ha provocato un po’ di trambusto lo scorso dicembre quando ha annunciato il suo trasferimento in Svizzera per sfuggire alle tasse, da lui ritenute eccessive.
Sarkozy è stato un grande fan di Halliday sin da ragazzino e l’«Elvis francese» era nel quartier generale del candidato di centrodestra quando domenica sera è stata annunciata la vittoria di Sarkozy. La giovane moglie di Halliday, Laeticia, ha detto che la promessa di Sarkozy di bloccare le tasse al 50% dei guadagni, il cosiddetto «tax shield», significa che ora la coppia farà ritorno in Francia.
«Le tasse in Francia sono inaccettabili. Non è possibile lavorare per lo Stato tre quarti dell’anno», ha detto, aggiungendo di aver discusso della questione con Sarkozy, che assumerà l’incarico il prossimo 16 maggio.
Il governo del primo ministro Dominique de Villepin aveva fissato il tetto massimo di tassazione al 60% dei guadagni.
Halliday, il cui vero nome è Jean Philippe Smet, deve trascorrere sei mesi e un giorno nella località svizzera di Gstaad per evitare le tasse che includono anche una tassa sul capitale superiore a 750.000 euro.