E in Kenya spunta persino il cugino eccellente

da Nairobi

Barack Obama e Raila Odinga sono cugini. Lo afferma in un’intervista alla Bbc lo stesso leader dell’opposizione kenyota (che contesta l’esito delle elezioni che hanno confermato Mwai Kibaki alla presidenza), precisando che il padre del candidato alla Casa Bianca era suo zio materno. Nei giorni scorsi era già emerso che il padre di Obama era della stessa etnia Luo di Odinga. Alla Bbc il 62enne ex prigioniero politico ha anche rivelato che lunedì il candidato democratico ha trovato il tempo per telefonargli due volte per esprimergli la sua preoccupazione per le violenze che insanguinano il Kenya. E che avrebbe telefonato anche a Kibaki. Dal New Hampshire, un portavoce della campagna di Obama ha confermato le telefonate, ma non ha detto niente riguardo alla presunta parentela con Odinga.
Intanto, «un Luo potrà essere eletto presidente negli Stati Uniti prima che in Kenya» è l’amara battuta che circola nella comunità dell’etnia di Odinga che ritiene che la rielezione di Kibaki, che appartiene all’etnia Kikuyu come del resto tutti i leader del Kenya indipendente dal 1963, sia una nuova vittoria rubata al proprio gruppo.