E l’Arsenal ha promosso un portierino bergamasco

da Londra

Se l’Italia non è più la patria dei portieri, i portieri italiani hanno ancora buona fama. Lo dimostra Vito Mannone, 19 anni, portierino proveniente dall’Atalanta che l’Arsenal ha scoperto quattro anni fa nel trofeo Arco di Trento. Ora il club londinese lo ha scelto come terzo portiere con un contratto di quattro anni per tappare il buco lasciato scoperto dal tedesco Jens Lehman (ex Milan) destinato ad un ritorno in Germania. Mannone è arrivato a Londra all’età di 17 anni, pagato 350mila sterline (468.000 euro) come indennizzo. Nell’agosto 2006 l’Arsenal lo ha prestato per tre mesi al Barnsley. Un infortunio ad un ginocchio lo ha bloccato per diversi mesi. Oggi vive con la mamma e veste la maglia 55 in ricordo dell’età del padre, scomparso nel 2004. Ora dovrà mettersi in coda, dietro allo spagnolo Almunia e al polacco Fabianski.