E l’assessora dell’Idv porta la figlia in auto blu

Assessore donna della provincia di Massa Carrara porta la figlia di due mesi e la baby sitter sull’auto blu e finisce nella bufera: viene attaccata dal centrodestra e da una parte del suo stesso partito, l’Idv, che ne chiede le dimissioni. È accaduto a Sara Vatteroni, assessore provinciale al Turismo e al Bilancio, che nonostante la maternità ha deciso di mantenere tutti i suoi impegni politici. Per questo la bambina partecipa, controllata da una baby sitter, a tutti gli impegni istituzionali della madre. Il caso è esploso quando la Destra ha pubblicato una foto della baby sitter e della bambina su un’auto blu, accusando la Vatteroni di abusare del servizio pubblico. A chiedere le dimissioni dell’assessore anche quattro esponenti locali del suo partito. La Vatteroni ha però dalla sua parte il 90% dell’Idv regionale che considera l’accaduto una discriminazione delle donne. «Siamo state fotografate al ritorno da un viaggio a Firenze - spiega la Vatteroni - ero in Regione perché delegata dal mio presidente; la baby sitter è a spese mie e mi serve perché altrimenti non potrei partecipare a questi impegni. L’auto blu si sarebbe mossa ugualmente senza di loro a bordo. Non uso il mezzo pubblico per fare la spesa o per accompagnarla dal pediatra». L’Idv fa sapere che ai 4 esponenti del partito che si sono messi contro l’assessore non verranno rinnovate le tessere.