E l’Europa ha scommesso su Bojan e Walcott

Poi c’è Bendtner che sembra Ibra. E sulla sinistra occhio a Di Maria e Capel

Giovani tanti, già arrivati non tantissimi, in lista Champions ancora meno, esordienti pochi, ma buonissimi. La Uefa ha stilato una sua personalissima lista dei migliori talenti che hanno debuttato nella prima fase a gironi della massima competizione per club. A loro confronto il ventenne Karim Benzema del Lione è un veterano che con quattro reti segnate si è già trasformato da attaccante più temuto di Francia a terrore d’Europa. Ma su Bojan Krkic, 17 anni, girano già le leggende. Entrato nella cantera del Barcellona a dieci anni, ha fatto subito sballare i pallottolieri segnando 900 reti in sette stagioni. Figlio dell’amore più sfacciato fra un padre serbo e un’infermiera che lo accudì dopo un incidente di gioco, Krkic ha già cinque presenze e 151 minuti di Champions. Si ispira a Kakà, dicono che abbia la freddezza di Van Basten e a Eto’o ha rubato la capacità di giocare sul filo del fuori gioco. Si racconta che lo stress che attanaglia Ronaldinho sia dovuto anche al suo ingresso in prima squadra. Qualcuno ricorda Theo Walkott? Arsenal, 18 anni, Sven Goran Eriksson rischiò l’impiccagione per averlo trascinato al mondiale senza un solo minuto di presenza in Premier League. Di lui Rooney dice: «Nemmeno io ero così forte alla sua età». Padre inglese, madre delle Barbados, 19 anni a marzo, ha riscritto tutti i record di reti e presenze, 282 minuti giocati in Champions con una doppietta allo Slavia Praga. Anche Nicklas Bendtner gioca nei Gunners, due reti in Champions in 284 minuti, fulminante quella contro la Steaua. È alto 1,93, pesa 84 chili e a Londra si chiedono: «Possibile che già ora sia più forte di Zlatan Ibrahimovic?».
Ivan Rakitic ha 19 anni, ha vestito la maglia dell’under svizzera ma ora ha scelto di giocare con la Croazia. Era al Basilea, lo Schalke 04 lo ha preso per sostituire il regista brasiliano Lincoln e lui non ha saltato neppure una gara di Bundesliga. A poche ore dal match contro il Rosenborg è stato pizzicato in discoteca con Mladen Krstajic e Jermaine Jones, multato ma immediatamente reintegrato in rosa. E poi Angel Di Maria, 19enne esterno sinistro del Rosario Central, campione del mondo under 20 con l’Argentina finito al Benfica. Stesso ruolo per Diego Capel, 19 anni del Siviglia, e per l’ivoriano Abdou Razack Traorè, sempre presente con il Rosenborg in Champions.