E al lavoro ci si va con abiti più sexy

Tacchi a spillo, spalle nude, jeans attillati per esaltare le curve, e soprattutto scollature sempre più vistose. Così le donne preferiscono presentarsi in ufficio. Una tendenza che sta surriscaldando l’ambiente di lavoro, soprattutto i colleghi maschi. A lanciare una sorta di «allarme del buon gusto» sulle pagine del Financial Time è una giornalista, Lucy Kellaway che scrive: «Per anni in ufficio le donne si sono vestite come uomini. Le cose però stanno cambiando. È davvero giusto ostentare la propria sensualità anche al lavoro»? Al lavoro le donne cercano di valorizzare sempre più il loro lato sexy. Lo si può considerare un segno di emancipazione certo, ma secondo la giornalista del quotidiano finanziario c’è il rischio che lo stereotipo di donna in carriera vestita in stile classico sia sostituito da una donna che assomiglia tremendamente alle mogli di certi calciatori. Lo spunto nasce dalla copertina del magazine Management Today: cinque star del mondo economico britannico fotografate in posa ammiccante. Nulla che possa sconvolgere più di tanto, ma che in ogni caso secondo la giornalista è una conferma alla teoria.