E la limousine in panne ferma il corteo

Doppio imprevisto per George W. Bush nel corso della sua visita a Roma: mentre rientrava all’ambasciata Usa di via Veneto dopo il colloquio con papa Benedetto XVI, la limousine del presidente americano, la super-blindata Cadillac Dts 2006, rinominata «Cadillac One» con richiamo all’Air Force One, si è fermata a causa di un’avaria al motore lungo via del Tritone, all’altezza di largo Poli, poco prima del Traforo che immette da via Nazionale. Bush è stato subito trasferito su una vettura gemella e il corteo è immediatamente ripartito. L’auto (nella foto) è stata ferma per circa un minuto e mezzo. Il secondo contrattempo si è verificato appena raggiunta la sede della rappresentanza diplomatica Usa, dove il veicolo su cui viaggiava il presidente non è riuscito a passare attraverso il cancello principale perché troppo grosso. L’inquilino della Casa Bianca è sceso dalla vettura e ha percorso gli ultimi metri a piedi.