E in Lombardia saranno cancellati 327 piccoli Comuni Uno nel Milanese

La scure della crisi si abbatte anche sui Comuni lombardi. Chiusi tutti quelli sotto i mille abitanti, ha deciso il ministro dell’Economia Giulio Tremonti che ha messo la decisone nero su bianco nel decreto già pubblicato nella Gazzetta ufficiale. Una sforbiciata che toccherà 327 municipi su un totale di 1.544 e che costringerà dunque un sindaco su cinque a lasciare la poltrona. Mentre a essere chiuse saranno le Province di Sondrio e Lodi. Poco male per la provincia di Milano che ci rimetterà solo il Comune di Nosate, 697 abitanti e sindaco dal 2004 Carlo Oreste Miglio, a capo di una lista civica. Sito internet aggiornatissimo con tanto di Pgt, il Piano di governo del territorio, finirà accorpato facendo scendere il totale dei comuni del Milanese a 133. Nessun comune sotto quota mille, invece, per la provincia di Monza e Brianza che eviterà la soppressione superando i 300mila abitanti. La più in pericolo è la provincia di Pavia che perderà 84 municipi, segue il bergamasco con 57, Como con 45, Cremona con 33, Brescia con 27, Varese con 23, Lecco con 19, Lodi con 7, Mantova con 2 e Milano buona ultima con appena un Comune da sopprimere. «Piccoli gioielli di storia e tradizione che non potranno essere governati nel modo giusto», protesta Attilio Fontana, sindaco leghista di Varese e presidente di Anci Lombardia. Ma sono già pronti anche i tagli ad assessori e consiglieri comunali.