E la Di Martino salta troppo in basso

nostro inviato a Pechino

L’ultimo colpo di scena dell’atletica viene da Blanka Vlasic, la regina del salto in alto: occhi che inceneriscono, fisico che stende. Nel giorno in cui doveva dimostrare di essere la più brava di tutte, spuntano gli occhiali e l’astuzia di Tia Hellebaut, la transfuga dell’eptathlon che guadagna il primo oro per il Belgio con annesso record nazionale (2 metri e 05). L’occhialuta fiamminga ha vinto sfruttando l’unico errore della croata a metri 2,05, passati al secondo tentativo. Hellebaut ci prende al primo e costringe Vlasic a provare tre volte i 2,07, mentre a lei basta sbagliare la prima prova, rinunciare alla seconda, e mettere fretta alla rivale nel preparare la terza prova, fallita.
C’era anche Antonietta De Martino che ha fatto la comparsa in una giornata azzurra che oltre alle medaglie ha regalato anche delusioni, non solo nell’atletica: vedi il K2 tanto atteso dopo il bronzo di venerdì, ieri tristemente. Per la saltatrice campana tre tentativi sbagliati a 1,96 e arrivederci. Era stata medaglia d’argento ai mondiali di Osaka, dietro la Vlasic, qui è decima, dopo essersi issata senza errori sino al metro e 93. Restano le sue scuse: «Quest’anno ho avuto un totale crollo nervoso. Ho avuto problemi nella rincorsa. Sono piccola, bisogna che tutto sia perfetto per rendere al meglio».
Non tradisce mai Kenenisa Bekele che, nei 5000 metri stabilisce il record olimpico in 12’57”82, bissando il successo dei 10mila. Primo etiope a vincere tre medaglie d’oro: ad Atene 2004 si era imposto nella distanza più lunga. «Un giorno speciale per me e il mio paese. Era un sogno». Battuti i soliti keniani: Kipchoge e Soi. È diventato il sesto atleta a vincere nelle due specialità del fondo: l’ultimo era stato il connazionale Yifter nel 1980. Rivincita keniana negli 800 maschili (Bungei) e 1500 femminili (Langat).
Agli americani, donne e uomini, la staffetta 4x400. Finalmente senza errori. Per Jeremy Wariner una consolazione, dopo l’argento nella prova individuale. \