E da Messina la Lazio risponde con quattro gol

Dal pokerissimo all’Udinese al poker sullo stretto: in una settimana due doppiette di Mauri esaltano la squadra di Delio Rossi

Giuseppe Messina

da Messina

Ai botti della Roma, la Lazio ha risposto con una doppietta di Mauri e altre due reti messe a segno rispettivamente da Pandev e Makinwa; con i cinque gol di una settimana fa all’Udinese la Lazio diventa protagonista. La rete della bandiera messinese, del capocannoniere Riganò, è venuta grazie a un rigore generosamente concesso da Ayroldi. La Lazio è apparsa solida e sbrigativa nelle manovre offensive finalizzate con efficacia. Il Messina ha sofferto la scarsa consistenza del centrocampo che si è fatta sentire sensibilmente in difesa dove gli avanti laziali hanno potuto sfruttare i varchi che paurosamente si aprivano per l'assenza degli uomini di presidio spesso in avanti per dare man forte al reparto in sofferenza.
La prima rete della partita è venuta al 10' su punizione. Un inutile fallo di Coppola su Mudingayi. Il tiro di Mauri è stato corretto in rete dalla schiena di Masiello in barriera. Nella ripresa la Lazio ha consolidato il controllo del campo e impinguato il bottino dopo il gol-pareggio di Rigano al 10' su rigore. Quattro minuti dopo gli ospiti sono passati di nuovo in vantaggio con Pandev che, solo davanti a Storari, lo ha infilzato. Al 36' Mauri, sfuggito a Zoro, ha siglato la doppietta riuscendo a mettere in rete la palla respinta da Storari. Infine, Makinwa al 38' ha concluso un contropiede in tandem con Mauri battendo l'incolpevole Storari. La partita non ha avuto più storia ed è andata avanti un una melina disarmante della Lazio.