E' morto Oldani, il politico aggredito domenica

E' morto il coordinatore milanese della Margherita massacrato di botte nella notte tra sabato e domenica mentre rientrava nella sua casa a Porta Tenaglia. La procura ha aperto un'inchiesta

Milano - È morto Maurizio Oldani, commercialista di 47 anni e coordinatore di zona 1 della Margherita a Milano, aggredito domenica all’alba nel capoluogo lombardo. Nel consiglio provinciale di Milano si è già tenuto un minuto di silenzio per ricordare la figura di Oldani, che è anche vicesegretario nazionale dell’Associazione dei Partigiani Cristiani. La famiglia ha autorizzato l’espianto degli organi.

Si procede per tentato omicidio Con la morte di Maurizio Oldani, il commercialista e dirigente milanese della Margherita aggredito l’altro ieri nei pressi della sua abitazione in Porta Tenaglia a Milano, inevitabilmente è cambiato da tentato omicidio in omicidio il reato per cui procede il pm Alessandra Dolce. Gli investigatori stanno prendendo in considerazione tutte le ipotesi per scoprire le ragioni dell’aggressione, anche se fin dalle fasi iniziali è stata esclusa la rapina. L’uomo, infatti, è stato trovato ferito in modo gravissimo ma aveva con sè il portafogli con il denaro.

I ricordi "Era una persona buona, riservata e mite", ricorda Mario Barbaro, capogruppo della Margherita in consiglio provinciale di Milano. "Ho incontrato Oldani la settimana scorsa nella sede milanese del partito - aggiunge Barbaro - e abbiamo discusso di un’iniziativa culturale che avrebbe voluto organizzare con il patrocinio della Provincia. Era sereno e sorridente. Non posso credere che lo abbiano massacrato e ridotto in quelle condizioni, fino a farlo morire".