E a Nassirya sabato azzurro davanti alla tv

Nassirya. Alcuni sono già pronti con la maglietta azzurra sotto la divisa, le bandiere naturalmente non mancano, il posto davanti allo schermo è già prenotato: la certezza in tutti è quella di sventolarle dopo una vittoria dell’Italia sugli Stati Uniti. Per i circa 8mila militari italiani in missione stasera sarà un sabato diverso. «Stando lontani dall’Italia - conferma il colonnello Francesco Tirino, portavoce del contingente italiano a Nassirya, oltre 2mila persone - per noi l’emozione di veder giocare la Nazionale è molto più forte». A Camp Mittica, sede del contingente, ci sono alcune strutture grandi, in grado di contenere fino a 100 persone, che sono adibite a sale-tv e domani saranno sicuramente strapiene, tranne ovviamente i militari che per ragioni di servizio saranno impegnati altrove. Dall’Irak all’Afghanistan la temperatura del tifo resta alta. A Herat sono presenti 400 militari italiani, insieme ad americani, inglesi, spagnoli, sloveni, lituani, romeni, albanesi. Una vera Babele di lingue che trova però un punto d’intesa nella comune passione per il calcio. L’altra sera, ricorda il portavoce del contingente, capitano Livio Cavallaro, «quando ha giocato l’Inghilterra, i nostri colleghi inglesi erano su di giri, con bandiere e pantaloncini con la Union Jack. Noi - assicura - manteniamo la divisa anche quando guardiamo la partita».
A Herat ci sono sale per la visione degli incontri di calcio. «C’è - spiega il capitano Cavallaro - una tenda caffetteria che ha una tv e poi abbiamo anche la pizzeria con uno schermo abbastanza grande: questi due posti sono praticamente già prenotati per oggi».
Ma italiani e americani si ritroveranno insieme davanti al maxischermo anche all’interno della base Usa di Camp Darby, tra Pisa e Livorno, dove non ci saranno solo i militari a stelle e strisce e i lavoratori italiani della base a seguire la sfida mondiale, ma anche i visitatori della festa italo-americana partita ieri sera e che, come ogni anno, la base organizza in questo periodo.