E ora i «Cesaroni» andranno al cinema

La fortunata serie di Canale 5 verrà trasformata in una pellicola

da Roma

Dalla fiction al film. E I Cesaroni approda al grande schermo. Dopo innumerevoli esempi contrari, ecco uno dei rarissimi casi in cui una fortunata serie televisiva si trasformerà in pellicola: lo ha anticipato Carlo Bixio, della Publispei, casa che con Mediaset produce le popolari avventure della rumorosa famiglia romana di Canale 5. «L'idea c'è venuta considerando la fascia d'età del pubblico che maggiormente ama questa fiction - spiega Bixio - e cioè un 68 per cento di spettatori fra gli 8 e i 14 anni. Per questo, e anche per inserirsi nel filone «giovanilistico» del pellicole di Moccia o di Vaporidis, I Cesaroni cinematografici saranno incentrati soprattutto sulle avventure sentimentali dei due giovani Marco ed Eva, interpretati dagli attori Matteo Branciamore e Alessandra Mastronardi». Un progetto che seduce molto Bixio. Ma del quale egli non si nasconde anche i rischi. «I moltissimi che vorrebbero saperne di più sull'amore fra Marco ed Eva, li ritroveremo tutti al cinema. E se il film riuscisse bene, potrebbe anche fare da traino alla nuova edizione tv, la terza, che stiamo già scrivendo. Ma se, al contrario, il film non dovesse funzionare, finirebbe per indebolire proprio il nuovo appuntamento tv». Preoccupazioni per il momento superflue: la seconda puntata de I Cesaroni ha vinto il prime time di venerdì con 6.611.000 spettatori. «Il perché di tanto successo? Questa fiction è l'erede della grande commedia all'italiana. Mette in scena vizi e virtù nostrani, ricorrendo a temi eterni della comicità nazionale, come la rivalità fra Nord e Sud del Paese». «I Cesaroni siamo tutti noi - sintetizza la protagonista femminile, Elena Sofia Ricci (che per Mediaset interpreterà anche la nuova fiction Amiche mie) -. Anch'io ho una famiglia allargata. E anch'io devo mettere d'accordo fra loro tante diverse personalità».