«E ora statuto speciale per la Lombardia»

La Regione Lombardia ha approvato la nuova carta costituzionale, rinnovando quella, vecchia di oltre 30 anni, del 1971. E ora il presidente Roberto Formigoni chiede «uno statuto speciale» per la Lombardia. Al pari del Friuli, della Sicilia, della Sardegna e della Valle d’Aosta. Il motivo? «Il Paese per rinascere ha bisogno prima di far rinascere le sue regioni - spiega il governatore - a cominciare da quella più importante, la Lombardia, che fa da traino allo sviluppo». Il nuovo statuto dà più poteri al Consiglio regionale, ufficializza l’elezione diretta del presidente. È stato approvato con voto bipartisan e il solo no dell’Italia dei valori. Astenuti i Verdi e il Prc. Entro l’anno saranno approvati il regolamento regionale e la nuova legge elettorale. Nel dichiarare chiusa la fase costituente della carta lombarda, il presidente del parlamento regionale, Ettore Albertoni, chiede la realizzazione di un senato delle Regioni.