E al Pc vietnamita il 91,28 per cento

Hanoi. Il Partito comunista vietnamita (Pcv) ha ottenuto il 91,28% dei voti nelle elezioni politiche che si sono tenute lo scorso 20 maggio. Lo hanno annunciato ieri le autorità del Vietnam, dove il Pcv è l’unico partito autorizzato. Il Pcv, che nella precedente consultazione, cinque anni fa, aveva avuto l’89,7% dei seggi, avrà 450 dei 493 deputati della futura Camera (gli altri 43 sono candidati indipendenti). In totale, erano 500 i seggi da assegnare, ma solo 493 degli 876 candidati ha ricevuto voti sufficienti per essere eletti. Fra i principali leader, è stato il primo ministro Nguyen Tan Dung a realizzare il miglior risultato: ha conseguito il 99,1% dei voti, il 91,2% è andato al segretario generale del Partito, Nong Duc Manh, e l’89,7 al presidente Nguyen Minh Triet. Come nei precedenti scrutini, il tasso di partecipazione annunciato dalle autortià è stato massiccio: il 99,64 per cento.