E a Piazza Affari il titolo si sgonfia

Affidare la presidenza di Telecom Italia a Pasquale Pistorio. È
l’auspicio di Guido Ferrarini, uno dei consiglieri indipendenti del
gruppo telefonico che lunedì prossimo chiamerà i soci in assemblea per
approvare il bilancio e rinnovare il vertice

Milano - Affidare la presidenza di Telecom Italia a Pasquale Pistorio. È l’auspicio di Guido Ferrarini, uno dei consiglieri indipendenti del gruppo telefonico che lunedì prossimo chiamerà i soci in assemblea per approvare il bilancio e rinnovare il vertice. Ferrarini si è augurato che per Telecom «si continui a fare bene come si è fatto fino ad ora» e ieri Pistorio è stato ricevuto a Palazzo Chigi anche se per questioni relative a Confindustria.
Il passaggio, tuttavia, è delicato; complice le dimissioni di Guido Rossi e la contestazione di Mediobanca e Generali alla lista di consiglieri presentata da Olimpia (la cassaforte, controllata da Pirelli e Benetton cui fa capo il 18% di Telecom).
Frattura che se sarà confermata questo pomeriggio impedendo l’unanimità nella prevista riunione del patto di consultazione, lascerà libertà di voto in assemblea a Piazzetta Cuccia e Generali. Dopo la fotografia scattata martedì sera dalla Consob ai grandi soci di Telecom, si è invece stemperata la tensione in Borsa. Dove Telecom ha ceduto l’1,22% a 2,35 euro (meno 0,14% Pirelli) in attesa di novità sul fronte delle trattative avviate dall’ad di Intesa Sanpaolo, Corrado Passera, per controbilanciare l’investimento con cui At&t e America Movil si apprestano a rilevare il 66% di Olimpia. L’obiettivo è coinvolgere alcune fondazioni bancarie ed esponenti del mondo imprenditoriale come Roberto Colaninno.