E in piazza Duomo spuntano i «falsi»

Ambulanti irregolari in azione nonostante gli sforzi dei ghisa

Giorno di Pasquetta, clima mite nonostante le previsioni per nulla rassicuranti, tempo di passeggiate in centro per turisti stranieri e i pochi milanesi che non sono partiti per il ponte di Pasqua. Occasione d’oro per gli ambulanti abusivi che hanno pensato bene di improvvisare il loro mercatino davanti al Duomo, in corso Vittorio Emanuele e via Dante, tentando di passare inosservati ai controlli dei ghisa. L’amministrazione milanese ha più volte ribadito l’importanza della campagna anticontraffazione voluta dagli assessori alla Sicurezza, Riccardo De Corato, e alle Attività produttive, Tiziana Maiolo. Impegno volto a contrastare il mercato del falso, responsabile di sottrarre rilevanti risorse all’industria nostrana sia in termini di mancati introiti sia di posti di lavoro persi. Una presenza che nell’area Duomo-Galleria-Vittorio Emanuele-San Babila si declina tutti i giorni con due agenti di poliza locale in pattuglia e altrettanti in divisa dalle 13 alle 19; sei agenti coordinati da un commissario aggiunto dalle 19 alle 24. Per quanto concerne l’ingresso alla basilica (lato Arcivescovado), due agenti in divisa per turno dalle 7 alle 13 e dalle 13 alle 19. Più altri due vigili in servizio mobile dalle 13 alle 19.