E un pizzardone sventa uno stupro

Un vigile urbano del Git (Gruppo intervento traffico) fuori servizio ha evitato un tentativo di stupro ai danni di due ragazze da parte di extracomunitari. L’episodio è avvenuto all’1,30 di notte quando all’altezza di largo Preneste il vigile ha notato quattro extracomunitari di colore di circa 20 anni, decisamente su di giri: buttavano a terra i motorini parcheggiati, rovesciavano vasi e prendevano a calci un distributore di benzina. L’agente ha chiamato il 113 e li ha seguiti a distanza mentre gli stranieri, in via di Portonaccio, tiravano oggetti e sassi alle auto in transito. I quattro hanno poi fermato una macchina con due ragazze a bordo e sono entrati dentro cominciando a toccarle e a infastidirle. Il vigile si è quindi avvicinato e qualificato ma gli stranieri lo hanno aggredito prima lanciandogli una bottiglia sull’auto e poi lo hanno minacciato con un collo di bottiglia rotto. Quando sono arrivati i poliziotti è nata una colluttazione al termine della quale gli stranieri sono stati bloccati e ammanettati. «Questi fatti - accusa il segretario dell’Ospol, Alessandro Marchetti - sono la vita quotidiana di questa città ed è solo grazie allo spirito di sacrificio degli uomini in divisa che si riesce molto spesso ad evitare il peggio».