E Al Qaida adesso minaccia di rovesciare il dittatore libico

Ayman Zawahiri, il vice di Osama Bin Laden, ha affermato che un gruppo libico si è unito ai militanti di al Qaida e ha esortato i combattenti del nord Africa a rovesciare Gheddafi in Libia e i leader di Tunisia, Algeria e Marocco. Lo dice in un messaggio audio fatto circolare ieri su Internet. «O nazione della jihad sostieni i tuoi figli così che possiamo sconfiggere i nostri nemici e liberare la nostra terra dai loro schiavi», dice Zawahiri nella registrazione nominando i leader dei quattro paesi nordafricani. Il numero due della rete terroristica incita i musulmani del Maghreb a proclamare la guerra santa contro gli interessi degli Stati Uniti, Francia e Spagna nei paesi del nord Africa. Dopo aver invocato la liberazione del Maghreb, il braccio destro di Osama auspica che i combattenti islamici si «uniscano sotto la bandiera dell’Islam e della jihad contro gli Usa, la Francia e la Spagna». Zawahiri ha quindi ceduto la parola al capo del nuovo gruppo libico di Al Qaida, presentato con il nome di Abu al-Laith. «Annunciamo che ci uniamo ad Al Qaida come soldati fedeli», ha dichiarato una voce attribuita a Abu al-Laith.