E «Romanzo criminale» va in concorso a Berlino

da Berlino

Il selezionatore italiano della Berlinale, Vincenzo Bugno, l'aveva annunciato al Giornale: «Aspettate la conferenza stampa prima di lamentarvi». Mancano due settimane alla conferenza stampa, ma intanto s'è saputo che l'Italia potrà contare su due film nelle sezioni principali del Festival di Berlino, in programma dal 9 al 19 febbraio. E cioè, Romanzo criminale di Michele Placido (in concorso per l’Orso d’Oro) e La tigre e la neve di e con Roberto Benigni (fuori concorso). Inoltre battono,a vario titolo bandiera italiana, La guerra dei fiori rossi di Zhang Yuan (Panorama) e Derecho de Familia di Daniel Burman (Panorama). Nella sezione Forum ci saranno i documentari Babooska di Tizza Covi e Inatteso di Domenico Distillo.
Niente da fare invece, come anticipato dal Giornale, per Il regista di matrimoni di Marco Bellocchio e Mare nero di Roberta Torre. Entrambi esclusi dal palinsesto senza tanti complimenti. Bellocchio si rifarà al Festival di Cannes? Vedremo.