E Sarah Palin si fa benedire «contro Satana e la stregoneria»

La candidata a una cerimonia della chiesa pentecostale

da Washington

Al sicuro da «ogni forma di stregoneria» e «salva da Satana» nel suo impegno politico «in nome di Gesù». Così Sarah Palin, candidato vicepresidente repubblicano alla Casa Bianca, è stata benedetta da un pastore dell’Assembly of God durante una cerimonia avvenuta tre anni fa nella sede di Wasilla della chiesa pentecostale, come testimonia un video messo in rete su You Tube.
«Noi chiediamo, salvala da Satana, mostrale il cammino, Dio. Porta finanze alla sua campagna in nome di Gesù, usala per invertire la rotta di questa nazione», afferma nel video il vescovo Thomas Muthee, originario del Kenya, nella preghiera che formula mentre impone le mani sulla candidata Sarah Palin, che è affiancata da altri due membri della chiesa. Il video è stato registrato pochi mesi prima che la donna presentasse ufficialmente, nell’ottobre del 2005, la sua candidatura a governatore dell’Alaska, carica ottenuta l’anno seguente.
Il video è destinato a riaprire la polemica sull’affiliazione di Palin alla controversa chiesa pentacostale, che crede nel «battesimo nello Spirito Santo» che si può manifestare nel «parlare in lingue», nella capacità profetica e di guarigione ma dimostra anche la grande curiosità dei mass media sul passato della candidata. Nel giugno del 2008, già governatore e sulla lista dei possibili candidati alla vicepresidenza, visitando la chiesa, Palin ha raccontato a un gruppo di giovani missionari come le preghiere di Muthee - che nel suo sermone definisce stregoneria anche il Buddismo e l’islam - l’abbiamo aiutata a raggiungere la meta.