E la scalinata diventa attrazione turistica

Gentile dottor Lussana, le invio alcune foto della scalinata di via Palestro, che documentano la cura con cui il regime si preoccupa del buon governo di Genova. Potrebbe trattarsi di degrado, ma potrebbe anche trattarsi di uno studio ecologico d’avanguardia sulla crescita spontanea del verde nelle aree urbane. In tal caso la prego di porgere al regime le mie più sentite scuse per l’ottusa interferenza.
Aggiungo che, in viale Brigata Bisagno, uscendo da un negozio, ho messo il piede in una delle tante buche del marciapiede e sono malamente caduto, sistemandomi per bene ginocchio destro e gomito corrispondente. Recatomi alla farmacia più vicina per cercare di riparare i danni, mi sono sentito dire che incidenti del genere sono frequentissimi.
Lo stesso naturalmente può dirsi dei marciapiedi di molte altre zone di Genova, in pratica di quasi tutta la città, mentre il regime pagliaccio si occupa di adornare i marciapiedi sinistrati con esibizioni di arte pop, a spese dei cittadini contusi e fratturati. Ma già, se i genovesi continuano a votarli, vuol dire che il regime, e le relative ammaccature, gli vanno bene così.
Con i più cordiali saluti.