E la scuola di «Amici» passa dalla Tv al teatro

Debutta stasera «A un passo dal sogno», il musical scritto da Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime

da Roma

Fan ed appassionati di Amici: occhio. Dopo un inizio di tournée calorosa (ventimila spettatori in dodici piazze), il musical ispirato all'amatissima quanto criticata trasmissione di Maria De Filippi arriva alla sua prima ufficiale, stasera al teatro Brancaccio di Roma. La popolarità della scuola di Canale 5 è tale che gli autori non potevano farsi sfuggire l'occasione di trasformarla in uno spettacolo. All'origine di A un passo dal sogno - questo il titolo del musical, scritto da Maurizio Costanzo ed Enrico Vaime, regia di Marco Mattolini - c'è il romanzo omonimo di Chicco Sfondrini e Luca Zanforlin, autori dello show. E protagonisti ne sono alcuni fra i più applauditi ex allievi: il Federico Angelucci che fra le polemiche vinse l'ultima edizione, l'Agata Reale che, grazie alle liti-tormentone con l'insegnante Celentano fornì ore di litigi, e poi Andrea Dianetti, Samantha Fantauzzi, Eleonora Crupi. Nel ruolo di se stessa c'è anche Maura Paparo (insegnante vera, ma qui sotto altra identità) e Mauro Coruzzi, che recita vestito da uomo ma nel finale verrà riconosciuto come Platinette. Le coreografie sono firmate da un altro divo dello show, Garrison Rochelle.
Al testo («Che segue fedelmente il romanzo, distaccandosene solo nel gusto e nello stile di Costanzo e Vaime», spiegano Sfondrini e Zanforlin) sono abbinate popolari canzoni di repertorio, oltre ad un brano nuovo appositamente composto. «Tutto per uno spettacolo che vuol proporre una lettura, affettuosa eppure critica, dell'attuale generazione dei ventenni - considera il regista Mattolini -; l'azione è trasferita dal reality ad una scuola di musica, e racconta le dinamiche emotive che legano gli allievi, ma anche e soprattutto quelle che li oppongono al mondo degli adulti, rappresentato dagli insegnanti. Non a caso i personaggi dei ragazzi sono mutuati da quelli del libro, e quindi della realtà. Mentre i professori sono inventati di sana pianta».
Tema portante di A un passo dal sogno è la ricerca del successo. «Vogliamo spiegare al pubblico, in gran parte costituito da ragazzi, che il successo non si deve andare a cercarlo. Perché è il successo che arriva da sé, quando e se si è capaci di esprimere quel che di vero si ha dentro». Per molti dei personaggi del musical il successo rappresenta la ricerca di una compensazione esistenziale: «Per pareggiare le delusioni ricevute dalla famiglia o dalla scuola. Ma anche per cercare una strada da percorrere e quindi, in qualche modo, per trovare la propria identità. Personale, professionale, affettiva».