E se il nostro grande allenatore decidesse di lasciare la squadra e cambiare aria?

Carissimo Lussana, il primo incontro con la Sua redazione alcune settimane fa in occasione della pubblicazione della mia lettera aperta al sindaco di Arenzano; oggi torno a Lei con questa mail per parlare di Sampdoria, della quale sono tifoso dall'anno di fondazione: 1946!
In sessant’ anni ho avuto molte gioie ma anche molte delusioni ed in particolare mi riferisco al periodo di presidenza del Mantovani figlio dove abbiamo rischiato l'estinzione.
Per fortuna è arrivato Garrone a riportare la serenità nell'ambiente.... anche se ho l'impressione che le cose siano lasciate un pò a metà.
Certo, noi tifosi vorremmo di più per vincere... mentre dovremmo baciare dove cammina.
Però non possiamo pretendere che Novellino faccia sempre le nozze con noci e fichi secchi!
Walter in pubblico dice sempre che è contento così... con i giocatori che ha... che il regalo lo ha avuto dalla moglie (il maglione), ma dice anche che vuol vincere qualcosa ed in queste condizioni rischia di non vincere niente.
Siamo proprio sicuri che Novellino, notoriamente molto corteggiato da club importanti, non pensi anche a cambiare aria?
Da tre anni vado a Moena nel periodo del ritiro e quest'anno, osservando da molto vicino, posso dire che egli non era molto soddisfatto dei rinforzi arrivati anzi... e non aggiungo altro.
Non mi permetto di rivolgere alcuna critica all'operato della società che ha fatto e sta facendo sacrifici finanziari notevoli, voglio esprimere soltanto una preoccupazione motivata, ritenendo che Novellino sia una componente molto importante della nostra Sampdoria!
Rivolgo a Lei ed alla Sua redazione i miei migliori auguri di un Felice Anno Nuovo e per Suo tramite anche a tutta la famiglia sampdoriana.