E il senatore fa la morale al vescovo

Un politico che rammenta a un vescovo l’importanza dei valori. Succede anche questo, nella lunga marcia di avvicinamento alle Regionali. Teatro dello scambio di «competenze» il sobrio Piemonte, dove il senatore e coordinatore regionale del Pdl Enzo Ghigo ha bacchettato, dalle pagine della Stampa, il vescovo di Ivrea, Arrigo Miglio, reo di aver recentemente dichiarato che le alleanze per le Regionali devono puntare alla risoluzione dei problemi del territorio, indipendentemente dalle ideologie. Per Ghigo, 56 anni e una decade passata a governare il Piemonte (dal 1995 al 2005, prima dell’inizio dell’era Bresso), le parole di uno dei possibili candidati alla successione di Severino Poletto, il cardinale di Torino prossimo al ritiro, sono inaccettabili: «Le scelte politiche e amministrative delle Regioni - dichiara - devono sì confrontarsi con i problemi locali, ma non possono prescindere da un orientamento valoriale. Non si può accogliere la lettura riduttiva che monsignor Miglio dà delle prossime consultazioni».